manutenzione scaffalature

I lavori vengono effettuati da personale qualificato e con le
adeguate attrezzature per garantire la sicurezza

controllo scaffali

Esempio di scaffalatura seriamente danneggiata

L'importanza dei controlli sulle scaffalature

L’ispezione periodica delle scaffalature industriali rientra tra gli obblighi legati alla sicurezza previsti dal Dlgs 81/2008. La norma di riferimento per la corretta ispezione e manutenzione delle scaffalature è la UNI EN 15635:2009.

Seguendo le indicazioni della norma abbiamo definito specifiche procedure per ogni tipologia di scaffalatura che, attraverso varie fasi, permettono di determinare il livello di sicurezza delle scaffalature utilizzate in azienda.

In sintesi l’attività di ispezione prevede una verifica puntuale delle scaffalature al fine di evidenziare non solo elementi danneggiati e non conformità, ma anche di rilevare problematiche legate alla sicurezza derivanti dalla presenza delle scaffalature nel luogo di lavoro.

ISPEZIONE PROGRAMMATA SCAFFALATURE

I controlli e le verifiche vengono condotti in conformità alle NORME UNI EN 15635:2009 e UNI 11636:2016 e sono effettuati con il massimo scrupolo

Innanzitutto viene raccolta tutta la documentazione esistente, quali ordine di acquisto, disegno tecnico, eventuali interventi apportati alle scaffalature.
Vengono verificate le tabelle di portata se esistenti e si passa poi alla vera e propria fase ispettiva.
Le scaffalature vengono controllate nella geometria e allineamento.
Vengono verificati i fissaggi dei tasselli
Viene verificato lo stato della verniciatura e la presenza di eventuali agenti come la ruggine e la corrosione.
Uno dei principali scopi è verificare se urti accidentali abbiano danneggiato montanti e spalle e stabilire il livello di gravità.

Si deve altresi verificare che la scaffalatura sia posizionata in sicurezza e segnalare eventuali provvedimenti da adottare per prevenire il rischio di caduta dei carichi in aree di passaggio o di lavoro.

Nella relazione che si redige si realizza una mappatura per identificare chiaramente il posizionamento delle scaffalature. E’ utile disporre di un layout del magazzino per poter identificare l’ubicazione delle scaffalature.

Una volta raccolti tutti i dati necessari e realizzato un layout delle scaffalature, si provvede a relazionare le eventuali anomalie segnalandole con 3 differenti colori.

OGNI QUANTO SI INTERVIENE?

Non oltre i 12 mesi come da UNI 15635:2009 .
In realtà dove gli urti sono frequenti può essere necessario verificare le scaffalature a scadenza trimestrale. Ogni azienda dovrebbe nominare un referente addetto PRSES ( responsabile della sicurezza delle attrezzature di magazzino) in grado di comunicare tempestivamente eventuali condizioni di rischio.

PERCHE’ CONTROLLARE LE SCAFFALATURE?

Gli scaffali metallici non sono eterni e in ambienti come i magazzini di logistica  sono soggetti a continue sollecitazioni. Il rischio di cedimento anche solo di un componente può determinare l’effetto domino con gravi conseguenze a persone e cose.